Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Club Alpino Italiano - Abruzzo
Sezione di Vasto

"I SEGNI DELL’UOMO SULLA MONTAGNA ABRUZZESE DAL PALEOLITICO AI NOSTRI GIORNI"

SABATO 24 MAGGIO ORE 17.30 (ingresso libero)

Presso la sala conferenze della Società di Mutuo Soccorso - via Raffaello, 1 (vicino la cattedrale San Giuseppe)  si terrà la conferenza "I SEGNI DELL’UOMO SULLA MONTAGNA ABRUZZESE DAL PALEOLITICO AI NOSTRI GIORNI" a cura di Francesco Famiani O.N. (Operatore Naturalistico )
con relatori: EDOARDO MICATI e DOMENICO SPAGNUOLO.

Il tema di questo incontro con i due ricercatori verterà sulle testimonianze storiche e preistoriche presenti sulle montagne abruzzesi.L’iniziativa prende seguito dal progetto “Terre Alte” promosso dal Comitato Scientifico del Club Alpino Italiano e mira a valorizzare il patrimonio delle molteplici testimonianze antropiche in ambiente montano che rischiano l’abbandono e la conseguente rovina definitiva.
Tali testimonianze, particolarmente numerose sulle montagne abruzzesi, si evidenziano in insediamenti di epoca preistorica, eremi e luoghi di culto rupestri,  grotte e incisioni pastorali presenti sulla Majella,  capanne in pietra a secco, monticazione in grotta, resti di attività agrosilvopastorali etc.
Questi segni dell’uomo ci aiutano non soltanto a comprendere il nostro passato ma soprattutto a scegliere in modo consapevole e proficuo il nostro futuro.
Nota:Alla conferenza seguirà l’incontro in sede con l’O.N. Guido Morelli giorno 7 giugno ore 18.30 che ci descriverà la magnifica valle dell’Orfento e quindi l’escursione in pullman il giorno 8 giugno che ripropone i temi trattati dall’eremo di San Bartolomeo in Legio per la valle Giumentina fino alla Valle dell’Orfento con arrivo a Caramanico Terme.

Leontina D'Orazio (Presidente Sezione CAI di Vasto)

scarica il N. 2 TRACCE

I SEGNI DELL’UOMO SULLA MONTAGNA ABRUZZESE DAL PALEOLITICO AI NOSTRI GIORNI