Contenuto principale

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

2017 05 27 comunicato acqua gran sasso9 ottobre 2017 - Comunicato stampa

Materiale radioattivo verso i Laboratori di Fisica Nucleare del Gran Sasso? Se confermato suonerebbe come una provocazione!

Se dovesse essere confermata la notizia riportata dalla testata online "Primadanoi" in merito ad un trasporto di materiale radioattivo proveniente dalla Francia verso i Laboratori del Gran Sasso dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, ci troviamo di fronte ad un'azione inspiegabile che suona quasi come una provocazione.
Secondo la testata, che cita fonti della Prefettura de L'Aquila, un carico limitato con una sorgente radioattiva dovrebbe arrivare già domani, quale test per spedizioni maggiori nel prossimo anno.

Evidentemente la responsabile predisposizione al dialogo è stata male interpretata da chi ricopre responsabilità politiche e pubbliche sulle vicende che attengono all'aquifero del Gran Sasso d'Italia.
Anche grazie alle iniziative promosse dall'Osservatorio Indipendente sull'Acqua del Gran Sasso è emersa la necessità di dotarsi di un protocollo per la gestione degli interventi sotto il Gran Sasso quale passaggio imprescindibile in attesa di soluzioni definitive per la messa in sicurezza delle due fonti potenzialmente inquinanti come i Laboratori e le gallerie autostradali.
Solo poche settimane fa è stata annunciata la sottoscrizione di questo Protocollo, ma alla luce di queste notizie sorgono alcune domande.
Gli Enti coinvolti sono a conoscenza di esperimenti con materiale radioattivo?
Il Protocollo recentemente presentato è un codice comportamentale che si sorregge sull'applicazione responsabile dei contraenti. Ma è già operativo? E come si è affrontata tale circostanza?
Se dalla relazione finale della "gestione commissariale Balducci" si evince che i lavori di impermeabilizzazione non sono stati ultimati, perché si permette il transito e l'utilizzo di questi materiali?
Che fine hanno fatto le rassicurazioni pubbliche da parte dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare circa la volontà di abbandonare gli esperimenti potenzialmente pericolosi?

Come Osservatorio abbiamo chiesto da subito di essere ammessi come uditori al Tavolo tecnico sull'acquifero del Gran Sasso istituito dalla Regione. Una richiesta assolutamente legittima a cui è stato opposto un fermo diniego. Le notizie di queste ore rendono ancora più incomprensibile tale atteggiamento da parte del Governo regionale. Dopo quello che è successo negli anni all'acqua del Gran Sasso i cittadini avrebbero diritto di essere informati e di essere coinvolti nei processi decisionali.